Da dei veri valori a chi per te vale veramente

La sua storia

In Modifica il 10 Luglio, 2016

Di seguito alcuni punti presi dal documento scritto da Don Giancarlo Piattelli. (Scarica Testo integrale)


zoom per la dedica

-O-

27 novembre 1983
I Domenica di Avvento

  1. Alla Comunità di Aselogna
  2. Alle Rev. suore Orsoline F.M.I.
  3. A chi porta un ricordo di questo luogo

Carissimi,
questo scritto che avete in mano non vuol essere una storia esaustiva di questi ultimi 60 anni.
Leggendolo ad alcuni richiamerà ricordi, ad altri fatti vissuti, per i più giovani e a tutti speranza per un futuro migliore.
Tuttavia vorrei che questo rimanesse come testimonianza di una storia, perché ciò che c’è  scritto è la storia di questa piccola comunità.
Se la scuola materna è stato un ‘'dono’’ per la comunità, oggi questa comunità deve questo dono risentirlo suo e voler far si che continui a vivere.
Vicende meravigliose, momenti di difficoltà, gesti di generosità, presenza educativa sono ‘’scuola di vita ’’ per tutti.
L’occasione del 60° di presenza delle suore Orsoline, persone e servizio per una specifica “ educazione ”, deve darci l’occasione di conoscere e amare di più questo ambiente, di informarci sul valore di certe scelte educative in questo momento di Storia Italiana, di dire ai nostri figli perché crediamo a certi valori cristiani, di amare e ringraziare le suore e collaborare di più con loro.
Ringraziandovi e incoraggiandoci per un nuovo cammino assieme vicendevolmente collaboriamo.

il parroco
sac. Piattelli Giancarlo

Sessant’anni di Storia di presenza religiosa delle Suore Orsoline F.M.I. ad Aselogna non si possono dimenticare e non possono passare inosservati specie per la Comunità che li ha vissuti.
Si legge nella cronaca: le suore dell'asilo
“Il giorno 22 Novembre 1923 con la corsa delle 12,05 in tre suore, Figlie di Maria Immacolata, partiamo da Verona per recarsi ad Aselogna, frazione del Comune di Cerea, per quivi iniziare una nuova missione.
Alle 1.50 pomeridiane arrivavano alla stazione di Cerea e qui salite su due vetture, caritatevolmente inviate si dirigono alla volta del paese. Alle 2 pomeridiane circa giungevano in canonica.
Quivi vennero ricevute dal M. R. don Giuseppe Vinco Arciprete, e dal M. R. don Francesco Zamboni curato della parrocchia e maestro comunale. Le presentazioni vennero in canonica.
Suor M. Zeffirina   superiora locale e maestra della scuola di lavoro
Suor M. Saveria    maestra comunale
Suor M. Celina     assistente generale”

% % % %

Al di là della cronaca della giornata facciamo alcune osservazioni
-La venuta delle suore è “per iniziare una nuova missione tra la gente” gruppo dell'asilo
-Sono ad Aselogna perché richieste dal Parroco
-Sono maestre “nella locale scuola comunale e nella scuola di lavoro”
-Vivono in carità
-Abitano una casetta, oggi demolita, situata a sud-est dell’attuale scuola materna

% % % %

Il 27/4/1925 suor M. Zeffirina maestra, sorella Valeria assistente, Faccio Corina bidella aprono l’Asilo per la prima volta. E’ la data che apre il capitolo nuovo di storia per i più piccoli del paese: i bambini...

-O-

asilo storico con zoom
  • Da un “atto peritale di stima su un immobile ad uso di Asilo in Aselogna” redatto dall’ ingegnere civile dott. Bruno Bresciani il 25/4/1939 si può ricavare la notizia che nel 1923 – 1924 i sig. Maggioni di Legnago, possidenti terrieri, avevano costruito su loro proprietà il piano terra dell’ attuale Scuola Materna, che loro pensavano di donare nel 1925 alla Congregazione di Carità di Cerea.
  • Nel 1939 si stipula un nuovo atto con il quale i sig. Maggioni donano alla Chiesa di S. Maria in Aselogna l’ immobile adibito ad Asilo infantile sotto il titolo “Angelo Maddalena Maggioni” perché:
  • vengano accolti nell’ Asilo bambini poveri residenti in Aselogna
  • l’ insegnamento, l’ educazione e la custodia dei bimbi vengano affidati esclusivamente a suore prescelte dalla Autorità Ecclesiastica Diocesana.

Lo scopo del gesto e dell’ opera erano chiari fin dall’ inizio, l’ atto sancisce una tradizione che si portava avanti da tempo e di cui già beneficiava il paese di Aselogna...

-O-

Tu che leggi ricorda: la storia è fatta dall’impegno comune degli uomini, dalla collaborazione, dal dialogo, da un paese vivo.
Le difficoltà che qui troviamo descritte sono state superate e la Scuola Materna anche oggi può funzionare: voi presenti oggi a questa ricorrenza ne siete testimoni.
Il cristiano sa che l’insegnamento e l’educazione sono compito principale della famiglia: a voi far si che il domani non muoia ma ci sia ancora.

Grazie